Ponteggi Edili

Normativa Europea sui Ponteggi Edili

I ponteggi edili devono assicurare il rispetto della normativa europea che disciplina il settore, così da garantire l’efficienza della struttura e la sicurezza dei passanti e degli stessi lavoratori. Le norme tecniche di riferimento sono l’UNI EN 12810 e l’UNI EN 12811 e recentemente è stato effettuato uno studio da parte dell’INAIL e pubblicato online su quali siano le prove tecniche da effettuare per stabilire la corrispondenza dei ponteggi edili con quanto previsto dalla normativa europea.

In particolare la ricerca riguarda i dispositivi di collegamento tra il traverso delle strutture fisse di facciata e il montante realizzati con sistemi modulari. Anche se le modalità di utilizzo e di costruzione dei ponteggi sono vincolate da una specifica disposizione del Ministero del Lavoro, il rispetto delle normative dell’Unione Europea da parte di queste opere provvisionali viene consigliata dalla globalizzazione del mercato. Inoltre le verifiche progettuali e sperimentali consentono di garantire un più alto livello di sicurezza e di stabilità. In particolare la norma UNI EN 12811-3 stabilisce quali siano le prove di carico da effettuare. Sono necessarie verifiche preliminari in quanto non si può conoscere in precedenza il carico massimo del ponteggio. Queste prove pilota sono fondamentali per stimare il fattore, tenendo conto dei parametri per l’avvio, dei criteri di validazione e dei principi alla base del controllo finale. Infatti il carico massimo dei ponteggi non viene definito all’interno delle norme tecniche che regolano il settore, ma viene identificata come la condizione di rottura della struttura. In questo modo si possono determinare quali siano:

 

– la corretta velocità di spostamento da imporre;

– nel caso delle prove a collasso il range di carico ciclico completo;

– la resistenza caratteristica del carico nel verso negativo o in quello positivo;

– la resistenza caratteristica nominale del carico nel verso negativo oppure in quello positivo;

– nel caso delle prove a collasso il numero di scarichi a zero oltre la fase ciclica e l’ampiezza delle fasi di carico.

 

La realizzazione delle verifiche consente di uniformare e rendere compatibili le valutazioni sui ponteggi di facciata modulari con la norma UNI EN 12810-2:2004. Al tempo stesso si garantisce il rispetto di quanto previsto dalla normativa UNI EN 12811-3:2005 sulle attrezzature provvisionali di lavoro. Infatti l’obbligo del calcolo per i ponteggi edili è stata introdotta per la prima volta con la Direttiva CE/45/2001. La normativa europea è stata recepita nel nostro Paese grazie al D.lgs 253/2003, tuttavia questa disposizione di legge è stata modificata dal D.lgs 81/2008. Successivamente sono state introdotte altre disposizioni per le prove delle attrezzature provvisionali e per la realizzazione stessa delle strutture, quindi l’applicazione delle norme europee a volte può risultare complicato.