Fondamenti per Partecipazione ad Appalti

La realizzazione di opere edilizie pubbliche o private può avvenire attraverso l’appalto ad un’impresa, che si occupa di ogni fase del progetto. I fondamenti per la partecipazione agli appalti, sono disciplinati da diverse norme, che hanno come obiettivo di affidare il lavoro ad imprese solide, che operano nel rispetto della legge e che garantiscano risultati ottimali.
L’appalto è un contratto con cui il soggetto appaltatore assume l’obbligazione di realizzare un’opera in base alle indicazioni del committente. Mentre l’appalto è definito dal codice civile negli articoli 1655 e seguenti, la normativa di riferimento per la partecipazione alle gare è contenuta nel D.P.R. n. 207, del 5 ottobre 2010, emanato per dare attuazione al decreto legislativo n. 163/2006. Per poter aggiudicarsi il progetto è necessario partecipare ad una gara, presentando una formale richiesta attraverso un’apposita documentazione composta: dalla domanda di partecipazione in cui si indica il possesso dei requisiti richiesti; l’offerta economica e quella tecnica.
Relativamente ai requisiti, che l’imprenditore o l’impresa deve possedere per prendere parte procedure di affidamento dei lavori, sono di ordine generale e speciali. I primi fanno riferimento all’affidabilità morale del soggetto, i secondi al grado di esperienza, alla capacità tecnico-professionale e all’idoneità del concorrente a far fronte agli impegni assunti. In particolare non possono prendere parte al bando d’appalto coloro che si trovano in stato di fallimento e altre procedure concorsuali; i soggetti per cui vi sono procedimenti penali in corso o condannati per reati gravi che incidono sulla moralità professionale, chi ha commesso gravi inadempienze in materia di sicurezza sul lavoro o dei contributi previdenziali e assistenziali. I requisiti di ordine speciale fanno riferimento alla la concreta esperienza e professionalità tecnica ed economica del concorrente a dare esecuzione alle prestazioni richieste dall’appalto. A tal riguardo per i lavori che superano 150.000 euro viene richiesta attestazione SOA. Quest’ultima viene rilasciata da organismi appositi che valutano la solidità dell’impresa e l’esistenza dei requisiti richiesti.
È importante notare che tali requisiti devono essere posseduti già al momento della presentazione della richiesta di partecipazione alla gara e per tutta la durata del contratto.