L’Edilizia aiuta le Imprese

L’edilizia è uno dei settori strategici del Paese, nonostante con la crisi abbia subito un forte calo, ma è proprio l’edilizia che può rendere il Paese più moderno, eco-compatibile. L’edilizia ha resistito durante gli ultimi anni perché aiuta le imprese ad avere un risparmio economico notevole grazie alla bio-edilizia che consente di ridurre i costi energetici.
Dei vantaggi sugli interventi in edilizia beneficiano anche attività collaterali, quali ad esempio gli arredamenti, la creazione degli infissi per il risparmio energetico, la costruzione di inferriate ma anche le piccole attività come le imprese di pulizie, soprattutto in considerazione di vendita di appartamenti o ristrutturazioni, sia per le abitazioni civili, sia per uffici e palazzi.
Quindi, l’edilizia aiuta le imprese perché permette a molte realtà di finalizzare il lavoro effettuato sulla struttura, creando un circuito di lavoro che tende a crescere.
Parlando di salvaguardia dell’immobile, particolare riguardo viene conferito al contributo che le imprese di pulizie apportano in fase di vendita dell’edificio, in quanto alcuni capitolati prevedono l’impiego di materiali e marmi pregiati per la costruzione di appartamenti e uffici.
Immaginate cosa potrebbe succedere a dei marmi o sanitari di un certo tipo qualora gli immobili rimanessero sfitti per un periodo di … Continua...

Tecnologia e Sviluppo Territoriale

Il corretto sfruttamento dell’innovazione tecnologica è l’unica soluzione per incentivare la crescita del territorio e creare nuove opportunità di lavoro per i cittadini e le imprese. Attraverso la creazione di servizi automatizzati ai cittadini e alle imprese, si possono snellire gli iter burocratici e l’accesso alle informazioni, con risultati positivi anche per le casse degli enti locali. Comuni ed enti pubblici territoriali affidandosi a un’azienda di informatica possono creare un database e un sistema di gestione dei flussi di informazioni anagrafiche e amministrative, che costantemente aggiornate possono semplificare la vita di imprese e cittadini e allo stesso tempo creare opportunità per lo sviluppo del territorio. L’innovazione tecnologica consente di organizzare i dati anagrafici e amministrativi degli utenti, provenienti dal comune, camera di commercio e altri enti pubblici e tramite appositi software possono essere elaborati, analizzati e consentire l’accesso in tempo reale, a informazioni concernenti la posizione contributiva o fiscale dell’utente.

Rivolgendosi a un’azienda informatica, formata da personale esperto, che oltre a sviluppare un progetto ITC efficiente, offra anche elevati servizi di assistenza tecnica e di aggiornamento, gli enti locali, potrebbero riorganizzare i vari uffici e settori, inserendo sistemi informatici, che garantiscano un completo scambio di informazioni e dati sia interni … Continua...

Tempi di adempimento dopo la modifica di una normativa

Le modifiche ad un atto normativo richiedono la deliberazione da parte degli organi competenti.
La sola deliberazione non è però sufficiente a rendere un provvedimento efficace, ma occorre attendere i previsti tempi di adempimento dopo la modifica di una normativa prima che essa diventi obbligatoria.
Qualsiasi atto, che si tratti di leggi ordinarie, di atti aventi forza di legge (decreto-legge, decreto legislativo) o di regolamenti, deve essere innanzitutto pubblicato sui vari bollettini ufficiali (Gazzetta ufficiale della Repubblica, Bollettini ufficiali delle regioni, ecc.) per permettere agli interessati di venirne a conoscenza.
Il periodo di tempo che decorre dalla pubblicazione di un atto normativo alla sua entrata in vigore prende il nome di vacatio legis (art. 73 c. 3 cost.) ed equivale di solito a 15 giorni, trascorsi i quali la nuova normativa diventa obbligatoria per tutti e non è ammessa l’ignoranza della legge.
La vacatio legis può anche essere più breve, in caso di urgenza, o più lunga, nel caso di atti normativi particolarmente complessi, purché tali diversi termini siano specificati nella norma stessa.
Alcune norme vengono adottate in modo temporaneo, ma la maggior parte di esse non ha una durata prefissata ed è destinata a rimanere in vigore a tempo … Continua...

Come aprire un’impresa di Costruzioni

Nonostante la costante crisi finanziaria che subisce il settore immobiliare italiano, le imprese di costruzioni costituiscono un lato importante per l’economia nazionale poiché esse non sono abilitate a costruire soltanto immobili.
Nel momento in cui si decide di aprire un’impresa di costruzioni è necessario avere un piano ben distinto che andrà a caratterizzare i punti cardine dell’impresa.
Altra cosa di cui tener conto è la somma necessaria per aprire l’impresa e, se non sia ha la disponibilità economica, si dovrà pensare a un possibile finanziamento ottenibile presso qualunque istituto di credito.
Ovviamente occorre avere delle competenze specifiche nel settore per arrivare al successo.
I requisiti necessari per aprire un’impresa di costruzioni, invece, sono:
– Avere la maggiore età.
– Avere la cittadinanza italiana o, in caso di stranieri, avere un regolare permesso di soggiorno.
– Avere il controllo dell’impresa e essere il principale responsabile.
– Possedere tutte le attrezzature necessarie per svolgere al meglio tutte le attività inerenti all’impresa.
Per quanto riguarda, invece, il processo burocratico la prima cosa da fare è costituire la società.
Si possono scegliere sei diversi tipi di società:
1 S.R.L. (Società a Responsabilità Limitata) che consiste in un tipo di società di capitali la cui … Continua...

In Crescita le Costruzioni Metalliche

Una delle più grandi paure dei tempi moderni sono le effrazioni e pur essendo notevole l’apporto dell’elettronica al fine di rendere più sicure le abitazioni, resta l’esigenza di avere delle protezioni in costruzioni metalliche. Qual è il motivo del successo?
Questo settore è riuscito a mantenere una nicchia di clienti perché unisce elevata artigianalità, e quindi stile, alla sicurezza che solo recinzioni, cancelli, inferriate e grate di sicurezza riescono a fornire, creando una vera e propria barriera tra l’interno e l’esterno. Questo offre la sensazione di sicurezza e protezione per sé e per i propri cari.
Per essere sicuri nella propria casa è necessario individuare i punti deboli che possono essere violati dai malintenzionati e di particolare importanza sono le finestre, utilizzate dai ladri come punto di accesso più delle porte. Il sistema più sicuro per proteggere sono le grate. Le stesse oltre ad essere realizzate in materiali di prima qualità, sono testate per resistere agli strumenti di effrazione e la posa in opera deve essere tale da non poter essere forzata. Le grate dovrebbero essere montate durante la costruzione o ristrutturazione di un immobile ed ancorate al muro.
Oltre alle grate è necessario avere anche un sistema di recinzione … Continua...

Le Barriere Architettoniche

Quando si parla di barriere architettoniche ci si riferisce a tutti quegli elementi dell’edilizia privata e pubblica che ostacolano la libertà di movimento e il godimento dei servizi da parte delle persone con difficoltà motorie o sensoriali.
Ne sono classici esempi: scale, rampe troppo ripide, porte strette, spazi insufficienti alla rotazione di una sedia a rotelle, marciapiedi privi di rampe, semafori senza il segnale acustico per i non vedenti, e così via.
Il documento ICF del 2001 ha esteso il concetto di barriere architettoniche a tutti quegli elementi, anche culturali e comunicativi, che, interagendo con handicap di qualsiasi tipo, determinano una mancata realizzazione dei diritti dell’individuo.
Vi è un’ampia normativa in Italia cui far riferimento in materia di abbattimento delle barriere architettoniche. La legge n. 13/1989 stabilisce gli obblighi di superamento delle barriere negli edifici privati e prevede dei contributi a carico delle Regioni per i lavori di abbattimento posti in essere negli immobili costruiti anteriormente al 1989.
Il decreto attuativo della legge in questione (D.M. n. 236/1989) definisce con maggior precisione i concetti di:
– accessibilità di un edificio;
– adattabilità dello stesso, attraverso opportune modifiche, alle esigenze dei soggetti con limitazioni motorie o sensoriali;
– visitabilità degli spazi … Continua...

Fondamenti per Partecipazione ad Appalti

La realizzazione di opere edilizie pubbliche o private può avvenire attraverso l’appalto ad un’impresa, che si occupa di ogni fase del progetto. I fondamenti per la partecipazione agli appalti, sono disciplinati da diverse norme, che hanno come obiettivo di affidare il lavoro ad imprese solide, che operano nel rispetto della legge e che garantiscano risultati ottimali.
L’appalto è un contratto con cui il soggetto appaltatore assume l’obbligazione di realizzare un’opera in base alle indicazioni del committente. Mentre l’appalto è definito dal codice civile negli articoli 1655 e seguenti, la normativa di riferimento per la partecipazione alle gare è contenuta nel D.P.R. n. 207, del 5 ottobre 2010, emanato per dare attuazione al decreto legislativo n. 163/2006. Per poter aggiudicarsi il progetto è necessario partecipare ad una gara, presentando una formale richiesta attraverso un’apposita documentazione composta: dalla domanda di partecipazione in cui si indica il possesso dei requisiti richiesti; l’offerta economica e quella tecnica.
Relativamente ai requisiti, che l’imprenditore o l’impresa deve possedere per prendere parte procedure di affidamento dei lavori, sono di ordine generale e speciali. I primi fanno riferimento all’affidabilità morale del soggetto, i secondi al grado di esperienza, alla capacità tecnico-professionale e all’idoneità del concorrente a far fronte … Continua...

Obbligo Normativo della Stima dei Costi di Sicurezza

Nei cantieri edili temporanei e mobili la sicurezza del lavoro è fondamentale, per garantire l’incolumità dei dipendenti, tanto che esiste un obbligo normativo della stima dei costi di sicurezza, indicato dal decreto legislativo n. 81/2008, titolo IV, capo I, il quale dispone che ” le amministrazioni appaltanti hanno in ogni caso l’obbligo di stimare i costi della sicurezza per tutta la durata delle lavorazioni previste”.
Tale legge ha come obiettivo quello di evitare condotte elusive da parte degli imprenditori che troppo spesso considerando eccessivi gli onori relativi alla messa in sicurezza dei cantieri, applicavano ribassi eccessivi e ingiustificati a tali costi. Il decreto n. 81/2008, riordina una serie di leggi che hanno cercato di regolarizzare la materia della sicurezza del lavoro sia in ambito pubblico che privato e in relazione agli appalti. Inoltre risponde a tutta una serie di lacune legislative ed in particolare quella relativa all’art. 12 del D.Lgs. 494/1996, che prevedeva che il Piano di Sicurezza e Coordinamento contenesse “la stima dei relativi costi che non sono soggetti a ribasso nelle offerte delle imprese esecutrici”.
In relazione a questa normativa i costi di sicurezza che oggi devono oggetto di stima nei cantieri edili sono:
– gli apprestamenti previsti … Continua...

Il Primo Soccorso in Cantiere

I cantieri sono un luogo potenzialmente a rischio a causa delle particolari mansioni che ivi si svolgono, ad esempio si lavora in altezza, ci sono strumenti potenzialmente pericolosi, proprio per questo il Primo Soccorso in cantiere può essere essenziale a salvare la vita degli addetti ai lavori.
La normativa contenuta nel decreto ministeriale 388 del 2003 prescrive misure di Primo Soccorso in cantiere. La stessa distingue diversi obblighi in base al numero degli addetti e alla tipologia di lavori che si stanno eseguendo.
La cassetta di primo soccorso deve essere tenuta in ogni luogo di lavoro e il suo contenuto minimo varia in base al numero degli addetti. In ogni luogo di lavoro deve essere presente un addetto alla sicurezza, lo stesso può essere anche il datore di lavoro. Tale normativa è stata però mitigata per i cantieri edili in quanto un’impresa può avere diversi cantieri aperti e per ognuno di essi dovrebbe essere presente un addetto alla sicurezza con relativa formazione, per questo motivo nell’articolo 104, comma 5, del decreto legislativo 81 del 2008 è prevista la possibilità di deroga nel caso in cui provveda il committente stesso ad organizzare il servizio di pronto soccorso, antincendio ed evacuazione del … Continua...

Sostituire gli Infissi per il Risparmio Energetico

Con le specifiche norme contenute nella legge di stabilità del 2016, il governo italiano intende confermare gli incoraggianti risultati del 2015 nell’ambito dell’effecienza energetica. Le misure dei cosiddetti “Ecobonus” riguardano anche gli incentivi per la sostituzione degli infissi, un’operazione che consente di ottimizzare il consumo energetico domestico, ottenendo anche dei considerevoli risparmi. Gli italiani (sia le imprese, che i privati) pare abbiano apprezzato le idee ministeriali, e sono molti quelli che si apprestano anche quest’anno a richiedere un preventivo per nuovi infissi.

Tra quelli in commercio, i più efficaci ai fini di risparmio, isolamento termico e acustico e mantenimento del calore interno sono quelli in PVC, che presentano delle caratteristiche superiori ai tradizionali infissi in legno. Il loro materiale (cloruro di polivinile, dal quale prendono il nome) garantisce prestazioni di qualità: è forte, durevole, resistente al fuoco e soprattutto efficace al fine di ridurre la dispersione del calore verso l’esterno. Si tratta inoltre di un prodotto eco-sostenibile, la cui produzione ha un impatto ambientale inferiore se confrontata con quella delle strutture in metallo.

La sostituzione degli infissi in questo periodo è sinonimo di lungimiranza: i bonus del governo sono piuttosto vantaggiosi e non vi è garanzia che possano essere … Continua...

Ripresa per l’Edilizia Made in Italy

E’ in ripresa l’edilizia Made in Italy. A certificare il dato è stata Confartigianato nel mese dei settembre del 2015, quando si è interrotto un trend in discesa che durava ormai da 54 mesi.

Il report presentato mostra una crescita dello 0,4% nel secondo trimestre dell’anno appena concluso, confermata anche dalla crescita occupazionale, con 34mila lavoratori in più nell’ultimo anno, pari al +2,3%.

Si tratta di primi deboli segnali che però non dovrebbero assolutamente mettere in secondo piano il fatto che la strada verso la piena ripresa è ancora impervia. Per capirlo basterebbe ricordare come i livelli produttivi del comparto siano ancora al meno 28,9% nei confronti del dato fatto registrare nello stesso periodo del 2011, mentre è addirittura drammatico il calo rispetto al settembre del 2007, con quasi il 42% in meno.

E’ la stessa Confartigianato ad affermare come la spinta definitiva per l’uscita dalla crisi potrebbe essere fornita dalla riforma degli appalti e dalla prevista conferma del bonus per le ristrutturazioni edili, che ha consentito in questi ultimi anni di preservare almeno i livelli occupazionali, dando respiro ad un settore che altrimenti sarebbe entrato in una spirale drammatica.

In questo contesto va registrato anche il calo della manodopera … Continua...

Traffico e cattive Infrastrutture

Il problema del traffico fa di nuovo capolino con le notizie provenienti in particolare dalle grandi città come Roma, Milano e Napoli, ove i livelli troppo alti di smog hanno costretto le rispettive amministrazioni a decretare il blocco del traffico per alcuni giorni, sperando che possano bastare a far abbassare indici ritenuti troppo pericolosi per la salute dei cittadini.

Un problema, quello del traffico, che torna periodicamente ad affacciarsi alle cronache, andandosi ad intrecciare con un altro motivo ricorrente, quello delle cattive infrastrutture. In effetti il nostro paese manca molto spesso di strade, ferrovie e altre opere che potrebbero portare un sollievo a rotte troppo congestionate, spostando allo stesso tempo una parte della circolazione verso quelle meno affollate ed eliminare in tal modo strozzature spesso evidenti e come tali segnalate da anni.

Un tema che peraltro ormai da un paio di decenni torna di moda all’interno di un mondo politico che, però, dopo aver individuato il problema non sembra altrettanto capace di indicare le soluzioni migliori. Come dimostra del resto il fatto che le nuove infrastrutture ferroviarie non vengano affidate dopo regolare gara d’appalto, ma tramite trattativa privata. Un problema acuito dal fatto che lo Stato paga molto spesso a … Continua...

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività

Chi ha intenzione di fare modifiche ad un edificio (restauro, risanamento, ristrutturazione, varianti a permessi di costruire) deve fare ben attenzione a rispettare tutte le normative di settore e particolare importanza è da riconoscere alla SCIA: Segnalazione Certificata di Inizio Attività.

La stessa è stata introdotta dall’articolo 49, comma 4 bis del decreto legge 78 del 2010, poi convertito in legge 122 del 2010.

La SCIA sostituisce completamente la disciplina prevista per la DIA (Dichiarazione di Inizio Attività) e ha l’obiettivo di semplificare le procedure.

Deve essere presentata dal proprietario dell’immobile, o da chi ha comunque titolo, all’Amministrazione in cui è ubicato l’immobile e deve essere redatta come da normativa.

Trattandosi di un’autocertificazione, colui che è obbligato a presentarla deve allegare un progetto e una relazione sullo stesso, inoltre devono essere inclusi tutti i documenti previsti dal regolamento edilizio.

I documenti devono essere redatti e sottoscritti da un professionista abilitato, lo stesso deve certificare che il piano di interventi da realizzare è conforme alla normativa igienico- sanitaria, ai criteri antisismici e alla normativa urbanistica.

Una volta presentata la SCIA, il titolare potrà iniziare i lavori senza dover attendere alcun permesso.

Dal momento in cui la SCIA è presentata, l’Amministrazione, tramite … Continua...

Il Piano Regolatore generale Intercomunale

Quando si vogliono eseguire dei lavori in edilizia è necessario rispettare i vari piani urbanistici stabiliti dagli enti locali e tra questi vi è il Piano Regolatore Generale Intercomunale, o semplicemente PRGI. Qual è la natura e la finalità di tale atto? Spesso vi è l’esigenza di sviluppare progetti che possono interessare diversi comuni limitrofi, in questo caso si fa ricorso al Piano Regolatore Generale Intercomunale. La normativa di riferimento che ha introdotto tale strumento urbanistico è la legge 1150 del 1942.

L’obiettivo di questo importante atto è armonizzare lo sviluppo dei centri coinvolti con riferimento sia all’assetto edilizio presente e futuro, sia con riguardo alle vie di comunicazione e urbanizzazione delle stesse zone. Le zone limitrofe, inoltre spesso vengono utilizzate a fini industriali, proprio per questo frequentemente il Piano Regolatore Generale Intercomunale viene redatto allo scopo di armonizzare lo sviluppo della zona industriale che, per i grandi spazi occupati, spesso richiede l’uso di territori appartenenti a più comuni.

Il Piano Regolatore Generale Intercomunale non ha una validità temporale prestabilita ed impone ai comuni coinvolti di adottare misure volte ad uniformare i propri piani regolatori al piano intercomunale che in questo modo appare essere sovraordinato.

La procedura per l’adozione è … Continua...